Home

Parole chiave

Leggibilità dei trattati (semplificazione dei trattati)

La questione della leggibilità dei trattati ha assunto speciale rilevanza tenuto conto della complessità dell'edificio giuridico comunitario, frutto di trattati successivi. Ogni nuovo trattato completa i precedenti ma li modifica anche, il che crea talvolta ambiguità nelle possibili interpretazioni e può rendere meno chiara la comprensione dell'insieme.

Cfr :

Semplificazione legislativa
Trasparenza

Libera circolazione delle persone (visti, asilo, immigrazione e altre politiche)

Il trattato di Amsterdam ha inserito un nuovo titolo (capitolo) nel trattato che istituisce la Comunità europea. Esso riguarda i seguenti settori:

    · libera circolazione delle persone (in particolare, eliminazione dei controlli alle frontiere interne);

    · controllo delle frontiere esterne;

    · asilo e immigrazione;

    · cooperazione giudiziaria in materia civile.

Questi settori rientravano precedentemente nel trattato sull'Unione europea ed erano quindi soggetti al metodo del "terzo pilastro". Il trattato di Amsterdam li ha "comunitarizzati". Ciò significa che il Consiglio delibera su proposta della Commissione e che si prevede di rendere applicabili a tutte le materie o a parte di esse la procedura di codecisione (decisione presa insieme al Parlamento) e la maggioranza qualificata (salvo clausola di esenzione). Inoltre, la Corte di giustizia è ormai competente per le questioni contemplate da questo nuovo titolo.

Il Regno Unito e l'Irlanda non partecipano alle misure prese in questo contesto, mentre la Danimarca partecipa soltanto alle misure relative ai visti, in quanto obbligo di diritto internazionale, e accetta in linea di massima le misure riguardanti l'acquis di Schengen.

Cfr :

Comunitarizzazione
Consiglio dell'Unione europea (Consiglio)
Corte di giustizia
Giustizia e affari interni (GAI)
Metodo comunitario e intergovernativo
Opting out (clausola di esenzione)
Pilastri dell'Unione europea