Home

Parole chiave

Trasparenza

La nozione di trasparenza ricorre spesso nel linguaggio delle istituzioni e sta a designare la chiarezza nel funzionamento delle istituzioni comunitarie. Essa è legata alle svariate richieste per un più ampio accesso del cittadino all'informazione e alla documentazione dell'Unione e per una migliore leggibilità dei testi (semplificazione dei trattati, consolidazione e migliore qualità redazionale dei testi legislativi).

La mancanza di trasparenza è spesso invocata per esprimere la sensazione secondo cui le istituzioni europee sono lontane e le procedure decisionali sono difficilmente comprensibili per il cittadino europeo.

Trattato di Amsterdam

Il trattato di Amsterdam è stato firmato il 2 ottobre 1997 ed è entrato in vigore il 1º maggio 1999. Esso modifica il trattato di Maastricht, specialmente nella prospettiva dell'imminente allargamento dell'Unione europea. Tra l'altro, introduce una clausola di flessibilità che consente, a determinate condizioni, di istituire cooperazioni rafforzate tra alcuni Stati membri; trasferisce inoltre una parte dei settori del terzo pilastro al primo (pilastro comunitario), in particolare per quanto riguarda la libera circolazione delle persone. Esso istituisce una politica comunitaria dell'occupazione, introduce il principio dell'accesso dei cittadini ai documenti delle istituzioni, amplia la procedura di codecisione e i casi in cui il Consiglio decide a maggioranza qualificata.

Cfr :

Pilastri dell'Unione europea

Trattato di Maastricht

Il trattato di Maastricht è stato firmato il 7 febbraio 1992 ed è entrato in vigore il 1º novembre 1993. Esso riunisce in un unico insieme - che definisce Unione europea - le Comunità, la politica estera e di sicurezza comune e la cooperazione in materia di giustizia e affari interni (GAI). Instaura l'Unione economica e monetaria (UEM) con una moneta unica (l'euro). Il trattato di Maastricht consacra inoltre il concetto di cittadinanza europea e prevede una maggiore partecipazione del Parlamento europeo alla procedura legislativa, istituendo la procedura di codecisione (Consiglio/Parlamento) per tutta una serie di materie.